20/04/2021

150 Jahre Pustertalbahn: Patenschaft für Lokomotiven-Halle in Franzensfeste

“To Go” del presidente della Provincia Kompatscher e dell’assessora Kuenzer per il riuso della rimessa storica.

Nel corso dell’avanzamento dei lavori per la BBT è ormai imminente lo  smantellamento del deposito di locomotive della stazione di Fortezza. L’edificio storico, attualmente posizionato nell'area del portale sud, dovrà fare spazio al nuovo tracciato dell’altavelocitá.

 

Grazie all'iniziativa del Curatorium, alla collaborazione delle FS, BBT e del comune di Fortezza, la rimessa verrà smantellata accuratamente per recuperare la travatura portante, la parte piú significativa del manufatto, che verrà trasferita nella nuova sede posta nell'area sud della stazione.

 

La scorsa settimana, durante un sopralluogo, è stata analizzata la struttura della costruzione ed è stata concordata la procedura da attuare. Erano presenti: lo statico, ing. Giulio Lavoriero, il fabbro Matthias Preims, l'esperta di logistica Hilde Niederstätter, il direttore del cantiere della BBT (Galleria di Base del Brennero) ing. Michele Ianeselli ed il Curatorium rappresentato dall’arch. Horst Hambrusch (Universitá di Innsbruck) e da Wittfrida Mitterer.

 

Per il riutilizzo della copertura di questo monumento di archeologia industriale, non sotto il vincolo delle belle arti, il calcolo statico deve essere preceduto da un’analisi della qualitá del ferro. L'obiettivo è certificare il metallo delle travature per garantirne un riuso che possa rispondere alle nuove normative di sicurezza.

 

Nel bando di gara dalla BBT, diversamente da come inizialmente previsto, l’edificio non verrà demolito ma smantellato in maniera accurata, da non danneggiare le travature del tetto di questo tempio della tecnica. La rimessa degli anni '20, costantemente manutenuta e ampliata negli anni ‘50, è il punto d’arrivo della ferrovia della Pusteria. L'edificio esistente è in buono stato ed è stato costruito sul sedime di un deposito locomotive che fu realizzato all’inizio, già durante la costruzione della ferrovia nel 1871.

 

La ferrovia, in realtà la tratta occidentale della k. k. Südbahn (Maribor / Fortezza), quest’anno a novembre compirà 150 anni.

 

La struttura portante in ferro rivettato, priva di supporti verticali, con luce 17 m, e lunga 50 m è composta da 10 campate a traliccio.

Come suggerito dall'ing. Ezio Facchin, giá commissario straordinario per gli accessi della BBT, e componente del Direttivo del Curatorium,  il materiale originale recuperato dovrà essere compattato e  conservato temporaneamente fino al suo riutilizzo in area ferroviaria. In tutto è necessaria una superficie di circa 50 m2.

La struttura portante del deposito verrà riproposta come copertura dell’area di pertinenza del parcheggio e della piattaforma girevole per le locomotive a vapore già salvata e da capo funzionante. Sulla copertura potrebbero essere predisposti anziché tegole dei pannelli fotovoltaici traslucidi performanti che forniranno l’energia al paese.

 

Le molteplici possibilità di utilizzo dell’attuale parcheggio con la nuova maestosa copertura della rimessa potrebbero dare una nuova  centralità al paese. L’ambiente ferroviario potrebbe comunicare direttamente attraverso le connessioni terrazzate e paesaggisticamente ben progettate con il Comune, la scuola, la chiesa ed il lago con la sua bella sponda rinaturalizzata.

PANORAMA FERROVIA

Nell’area sud della stazione di Fortezza potrebbe nascere potenzialmente un “ambiente ferroviario avventura” (un luogo autentico dove rivivere l’emozione della vaporiera) e allo stesso tempo un luogo high-tech green con un parcheggio super-funzionale. Tante sono le  possibilità di utilizzo: Park&Ride Terminal per biciclette, auto, treno; luogo per  spettacoli; punto di incontro e di partenza per escursioni in bicicletta o a piedi come ad esempio il percorso panoramico ideato per Novacella e Varna e, in direzione nord, per Mules, o, ancora, usi temporanei come spazio per performance o per eventi openair, mercato dei contadini e mercato settimanale.  

 

In occasione della riunione dello scorso 7 aprile tra il direttivo del Curatorium, il Presidente della Giunta, Arno Kompatscher, l’assessora Maria Hochgruber Kuenzer ed il sindaco Thomas Klapfer, l’operazione di salvataggio della rimessa delle locomotive ha trovato un'approvazione generale e un sostanziale "To  Go!".  Il finanziamento per la ricostruzione sarà coperto per un terzo da fondi privati e per due terzi da fondi pubblici. L'amministrazione provinciale e gli sponsor, si sono resi disponibili a finanziere il rilancio di questo monumento della tecnica in occasione del 150° anniversario della Ferrovia della Val Pusteria. 

Fortezza, crocevia ferroviario, è, dopo tutto, il baricentro, il centro geografico dell'Alto Adige.